Serie TV misteriose

Questa discussione è stata separata da PbtA: quali e perché, a partire da questo intervento.

1 Mi Piace

No aspetta, ora devo andare OT per forza. Cioè tu non hai mai guardato Buffy??? :scream::scream::scream::scream:

2 Mi Piace

Purtroppo no :slight_smile:
Non saprei nemmeno dirti cosa facevo invece di guardarlo, perché non ho idea del periodo in cui lo davano in tv.

2 Mi Piace

1997-2003, ma io lo vidi solo a posteriori. È comunque un capolavoro assoluto. Altra fiction di riferimento: Supernatural, Men in Black, X-Files, Hellboy. Certo se non ti piace il genere, probabilmente MotW non può darti più di tanto.

2 Mi Piace

Sogno di trovare il tempo di scrivere un settings per il mostro della settimana basato su Fringe

1 Mi Piace

Io vorrei un gioco per giocare Lost / flash forward / the leftovers <3

2 Mi Piace

Sono 3 cose molto diverse però.

Lost tra l’altro è anche abbastanza ‘facile’ da immaginare come setting. E permette di usare le mosse del GM a caso, mantenendo lo spirito.

Mossa per spostare qualcosa di pesante -> 6- -> GM: appare dal nulla un mostro di fumo XD

Edit: addirittura il GM potrebbe usare delle tabelle casuali per le sue mosse. O potresti giocarlo senza GM :0

Non sono d’accordo, sono praticamente la stessa serie con ambientazioni diverse, il cui pitch potrebbe essere “poniamo delle questioni filosofiche mascherandole con del mistero irrisolvibile”. Il mistero è appunto il motivo per cui sarebbe difficile da replicare in game.

Scusate i continui OT.

Se qualcuno trova un sistema per il gioco di Leftovers voglio saperlo.

2 Mi Piace

@ranocchio @danieledirubbo qualcuno ci splitti il thread :heart:

Che si basino tutti su misteri non risolvibili è vero; ma la filosofia dietro c’è solo in the leftovers.
Soprattutto in Lost la struttura era davvero ‘andiamo avanti a caso’ (per ammissione degli sceneggiatori).

2 Mi Piace

Lost, prima che si smarrisse nel tentativo di spiegare le cose, era chiaramente di ispirazione filosofica: il signore delle mosche, Locke, Rousseau, la questione degli “altri”, il bunker. Esattamente come the leftovers che chiaramente, oltre ad essere una delle migliori serie mai prodotte, sarebbe il gdr della vita. Vi prego scrivetelo.

1 Mi Piace

Che genere di caratteristiche dovrebbe avere il gioo di Leftovers? uhm

Mi sono messa a riflettere e sto focalizzando questi come i punti che mi interesserebbe vedere:
*Un’esplorazione del lutto e di come il mondo possa impazzire poco a poco di fronte a una tragedia abbastanza grande. Quindi un sistema che affronti il trauma e i mille modi autodistruttivi che abbiamo per reagire.
*Il sovrannaturale usato in maniera simbolica, in associazione alle tematiche di cui sopra.
*Un sistema di relazioni che permetta di rendere tutta una serie di legami disfunzionali.

Mi viene da pensare che… Il mistero di fondo forse non va tematizzato: non vorrei elementi investigativi. Nel senso che alla fine il punto è proprio che cercare risposte è inutile. Per citare la sigla- “Let the mystery be.”

2 Mi Piace

No infatti in the leftovers il tema è come il mondo si è adattato dopo la tragedia. Delle ripercussioni sulla mente delle persone e la società.
Il mistero è solo un pretesto (leggendo il libro è super chiaro)

Dovrebbero esserci delle relazioni distinte tra legami e lutti. E non potrebbe mancare la setta dei fumatori di wittgenstein (come si chiamavano?).

L’evento potrebbe essere qualsiasi cosa che fa sparire nel nulla delle persone, ma il focus dovrebbe essere sulla piccola comunità formata da “quelli che restano”. Un’altra serie che aveva un tema simile era Les Revenants.

Un po’ come in apocalypse world, l’apocalisse è un pretesto per far emergere i personaggi.

1 Mi Piace