Urban Shadows, innescare mosse con informazioni che il personaggio non sa

È uscita fuori questa domanda al nostro tavolo di Urban Shadows (premetto che giochiamo in inglese): nella mossa hit the streets (“sondare il terreno” per Narrattiva), non ci è chiaro se il personaggio nominato possa essere chiunque o debba essere qualcuno di cui il protagonista sa il nome. L’innesco:

When you hit the streets to get what you need, name who you’re going to and roll with their Faction.

Tradotto da Narrattiva:

Quando sondi il terreno per ottenere ciò che ti serve dichiara da chi stai andando e tira + la sua Fazione.

Tradotto più precisamente da me:

Quando ti aggiri per le strade per ottenere ciò che ti serve nomina da chi stai andando e tira + la sua Fazione.

L’accezione sul nomina è importante perché il manuale in diversi posti fa riferimento all’importanza del conoscere il nome delle persone. Nella versione di Narrattiva, sembra più chiaro che si possa fare, ma nella versione originale non mi sembra altrettanto chiaro.

È capitato che durante il gioco un giocatore volesse visitare un personaggio che gli altri conoscevano e di cui sapevano il nome (Marley il Corvo), ma non lui. Si è chiesto se questo innescasse hit the streets. Il personaggio effettivamente “si aggira per le strade per ottenere ciò che gli serve”, ma non è in grado di nominare l’individuo che vuole effettivamente incontrare. Solo il giocatore è in grado di nominarlo.

Al tavolo, abbiamo deciso di interpretare che, dato che gli inneschi sono di solito scritti dal punto di vista del personaggio, anche il nominare fosse da quel punto di vista, e che questo potesse non accadere. Ma ho promesso che avrei chiesto una seconda opinione ed eccomi qui.

Che ne pensate?

EDIT: Un concetto correlato è quello di crossing the line, ovvero il concetto che un giocatore, sebbene possa usare la “posa da regista” e definire aspetti della narrazione esterni al suo personaggio, dovrebbe sempre toccare dettagli che si possano esprimere dal punto di vista del personaggio.

Questo comunque non è assolutamente un dogma e non tutti i giocatori di PbtA sono d’accordo.

1 Mi Piace

Ti dico come la interpreterei io: a me starebbe bene sia che si usasse “lato giocatore” sia che si usasse “lato personaggio”, fintanto che ha senso nella narrazione.

Lato giocatore: «Ok, Spencer non sa il nome di Black Mamba, ma sta cercando un assassino dai tratti somatici indocinesi, per cui vado al porto a chiedere se qualcuno l’ha visto».

Lato personaggio: «Ok, Spencer va al porto a chiedere se qualcuno ha visto un tale Black Mamba. Non evito di menzionare il fatto che sia un assassino dai tratti somatici indocinesi».

Per me, nella narrazione, ha comunque senso che la mossa si attivi.

Se vuoi proprio toglierti il dubbio, direi che la cosa migliore sia interpellare il forum ufficiale di Urban Shadows:

1 Mi Piace

Io personalmente lo uso quando uno dei giocatori vuole far trovare qualcosa di specifico (es: un medico compiacente per essere rattoppati) ma non sa se esiste/chi è.
Scopriamo insieme chi è questo, dopo averlo trovato.

3 Mi Piace

Dalla mossa:

Hit the streets lets you seek out contacts and connections within the city to
help you get what you need: info, magical items, information, your nightly
fix, whatever. Any time your character grabs their coat and hat to get out and
pound the pavement for resources, roll hit the streets.

You must say who you’re making contact with before you roll; it should be
reasonable that they can provide you with whatever you need. Whenever
possible, try to circle back to existing characters with this move: the city gets
a little crowded if there’s a knowledgeable demon hunter on every corner.
Better to go to the person everyone knows.

Notice that you actually have to get out into the city to trigger this move. It’s
not enough to make a few phone calls or post on an internet forum and hope
that the goods come directly to you…

Secondo me la parte che ho messo in grassetto risponde bene alla cosa.
Tu devi dire da chi vai a chiedere le info che ti servono. E la persona da cui vai dev’essere ben conosciuta, dai PG o più in generale dall’ambiente in cui i PG si muovono.
E’ quella la figura chiave della mossa. E’ quella con la quale dovrai incontrarti. E con lei che avrai magari un debito, in futuro; o magari alla quale dovrai dare una mano, prima di avere le info o l’oggetto che stai cercando.

2 Mi Piace

Personalmente mi comporto così: il Metagame non esiste (ne sono pienamente convinto in generale): se un Giocatore dice che il suo personaggio vuole andare da Tizio (che non ha mai incontrato nè sentito nominare in scene che lo riguardavano) perché durante le Scene di altri giocatori i loro personaggi hanno incontrato Tizio e il giocatore si è accorto che Tizio gli interessa… …allora per me è sufficiente che lo dichiari e al limite giustifichi il perché sa di Tizio o è venuto finalmente a sapere anche lui di Tizio.
Non lo vedo nemmeno come uno sconfinamento, ma semplicemente come uso di informazioni portate ormai sul tavolo.
Personalmente trovo quella Mossa brutta perché abbastanza inutile.
Forse aiuta a spingere il gioco verso un’interazione fra fazioni e a far annullare proprio il metagioco rispetto alla conoscenza di informazioni che si ritengono prezioso, però…boh non so, se sparisse non credo che il gioco ne risentirebbe particolarmente.
Cmq ecco, pur con questo modo di gioco i giocatori raramente fanno voli pindarici e rimangono nell’assoluto buon senso.

4 Mi Piace