Blades in the Dark: quanto è adattabile?

Riporto qua dalla conversazione tra me, @adam, @Matteo_Sciutteri, @PedroCeleste, @Chiaki e @ranocchio, con qualche edit per rimuovere i momenti particolarmente off-topic (soprattutto i numerosi riferimenti ai miei animali domestici)

Riepilogo

adam:
Comunque subito prima di giocare per caso mi sono visto Legends of Tomorrow e niente, ogni cosa che vedo mi sembra un hack perfetto di bitd.
Quanto sarebbe fico fare l’hack stile predatori del tempo? Sia lato buoni che lato cattivi
Con la tempolizia stile PK che ti arresta se cambi troppo la linea temporale

Matteo_Sciutteri:
Sai che stai dicendo una cosa molto interessante? Il fatto che ogni cosa sembri perfetta per un hack di Blades vuol dire che quando è stato scritto, è stato pensato per ricostruire delle dinamiche diffuse in n media.

ranocchio:
O forse che, avendo un martello, tutto sembra un chiodo.
Io sono tra quelli che non è molto favorevole all’applicazione a tappeto del sistema di BitD.
Eccetto l’action roll, quello ha un sacco di roba esportabile
Ma il tutto è un insieme di ingranaggi accuratamente incastrati per dare una certa esperienza. Mi sembra più difficile da moddare del classico PbtA, dove puoi fare un po’ alla cazzo e al massimo riempi con la narrazione (non dico venga bene così, ma è un modo)
Parlo specialmente di tutta la fase di downtime e della meccanica del recupero dello stress.

thekernelinyellow:

O forse che, avendo un martello, tutto sembra un chiodo.

Ranocchio in realtà è qualche anno che sento di lamentele dell’appiattimento della struttura narrativa dei media (soprattutto serie tv) verso certi tipi di narrativa, per cui trovo perfettamente possibile che BitD abbia imbroccato il modello giusto
e d’altra parte ha un modello molto simile a tantissimi gdr, quindi ha senso che, se funziona, si finisca per usarlo

Chiaki:
Tutto può essere adattato a quasi tutto con abbastanza salti mentali. A me sembra più che altro che ci sia molto hype intorno a un sistema relativamente nuovo che spinge la gente a cercare di farci la propria cosa preferita. Poi mi piacerebbe vedere più sistemi originali rispetto a cento hack dello stesso, tanto per non seguire la traiettoria di quelli che cercano di far tutto con d&d :stuck_out_tongue_closed_eyes:

Matteo_Sciutteri:
“E buttare via la fase di downtime, perché è davvero specifica al setting e al tono” è quello che hanno fatto, per esempio, con Band of Blades.

Tutto può essere adattato a quasi tutto con abbastanza salti mentali. A me sembra più che altro che ci sia molto hype intorno a un sistema relativamente nuovo che spinge la gente a cercare di farci la propria cosa preferita. Poi mi piacerebbe vedere più sistemi originali rispetto a cento hack dello stesso, tanto per non seguire la traiettoria di quelli che cercano di far tutto con d&d :stuck_out_tongue_closed_eyes:

Chiaki Il punto è che il sistema di Blades non ti chiede di fare dei salti mentali nella maggior parte dei casi. Credo che il punto lo abbia centrato thekernelinyellow : tutte le strutture narrative si sono allineate bene o male, e Blades mette in piedi un sistema che copre quelle strutture molto bene.
Voglio dire: se prendo un qualunque libro / serie tv / film che ho letto o visto negli ultimi 10 anni, non trovo nulla che non fitti particolarmente bene. Ma anche perché l’astrazione di Blades è semplicemente: * gruppo di persone che vogliono X, facendo Y - che direi che è il canovaccio di tutta la fiction del mondo

PedroCeleste:
Non ho capito bene la cosa delle strutture narrative allineate, come non ho capito l’astrazione di Blades (x/y/etc)

Matteo_Sciutteri:
ok, facciamo il giro opposto: dimmi gli ultimi 3 film che hai visto

PedroCeleste:

  1. Il tredicesimo guerriero
  2. Uncut Gems
  3. The Lighthouse

adam:
forse il tredicesimo guerriero ci può stare
io sono d’accordo che BitD abbia imbroccato molto bene un archetipo diffuso di media. E’ la ragtag band of misfits, la cricca scalcinata di eroi contro tutto e tutti. Cioè, è un archetipo così diffuso, che è normale che alle due per tre si trovi qualcosa che calzi a pennello (o quasi). Poi che per me sia un sistema nuovo, che stia piacendo molto al mio gruppo e quindi sono portato a smartellarlo ovunque, non c’è dubbio.
Inoltre, secondo me sembra particolarmente incastrato nel setting, ma non è così; ha una struttura di regole che si presta ancor meglio dei pbta ad essere hackata. Nei pbta devi ideare un botto di mosse e altro. Qua scegli 12 azioni tipiche dei personaggi, e poi le abilità speciali possono essere particolari o blande a piacimento. La meccanica di sospetto/incarcerazione secondo me è quella più intrisa della premessa del gioco (il fatto che i personaggi siano criminali contro un’autorità soverchiante).

PedroCeleste:
E’ chiaro che ben si adatti a un genere stile Heist Movie in tutte le sue declinazioni, da Rapina a mano armata a I soliti ignoti a La casa di carta, ma stiamo parlando di un genere piccolo e non così diffuso in realtà. Per questo non capivo il discorso sull’appiattimento culturale (che probabilmente esiste, ma per altri motivi)

thekernelinyellow:

E’ chiaro che ben si adatti a un genere stile Heist Movie in tutte le sue declinazioni, da Rapina a mano armata a I soliti ignoti a La casa di carta, ma stiamo parlando di un genere piccolo e non così diffuso in realtà. Per questo non capivo il discorso sull’appiattimento culturale (che probabilmente esiste, ma per altri motivi)

PedroCeleste in realtà punta molto la ragtag band of misfits che dice adam è molto più diffusa (così, su due piedi: i Guardiani della Galassia, un tocco di Avengers tra Civil War e Infinity War, una massiccia quota del materiale di Star Wars, la Casa di Carta, Umbrella Academy, Inglorious Bastards…)

adam:
durante il colpo, in BitD, non c’è una - che sia una - meccanica specifica che si rifaccia a rapine o colpi o quant’altro. Le meccaniche sono super-generiche. E’ solo nel downtime, tra un colpo e l’altro, che ci sono delle meccaniche da heist movie (alcune malleabilissime, come il coinvolgimento, le attività come cura e progetti a lungo termine; e altre meno, come l’incarcerazione)

Matteo_Sciutteri:

PedroCeleste in realtà punta molto la ragtag band of misfits che dice adam è molto più diffusa (così, su due piedi: i Guardiani della Galassia, un tocco di Avengers tra Civil War e Infinity War, una massiccia quota del materiale di Star Wars, la Casa di Carta, Umbrella Academy, Inglorious Bastards…)

Il genere a cui fa riferimento Blades è talmente vasto e ampio che abbraccia il 90% dell’intrattenimento.
Ci posso giocare gli Xmen.
Ci posso giocare Pitch Black.
Ci posso giocare Jumanji. Ci posso giocare mad max fury road. Ma pure Indiana Jones. Fast & Furious. Ci posso giocare Community :smile:

PedroCeleste:
Probabilmente anche l’Odissea

Matteo_Sciutteri:
Pure la Bibbia (più o meno qualunque passaggio / libro)

adam:
https://tvtropes.org/pmwiki/pmwiki.php/Main/RagtagBunchOfMisfits

Matteo_Sciutteri:
La tartarughe ninja :slight_smile:
I Power Rangers :slight_smile:

PedroCeleste:
Vabbè qualsiasi narrazione che abbia azione e avventura come fulcri e dei protagonisti tridimensionali

adam:
non sono sicuro ci sia bisogno di azione e avventura. E’ sufficiente scelte incerte con conseguenze tangibili

Matteo_Sciutteri:
Sì, io credo che si possa sviluppare anche Fargo, con questo impianto.
(che non me ne voglia Fiasco :D)

PedroCeleste:
Allora, secondo me è una classificazione talmente ampia che finisce per rientrarci quasiasi storia mai raccontata dall’uomo

adam:
quasi

Matteo_Sciutteri:

Allora, secondo me è una classificazione talmente ampia che finisce per rientrarci quasiasi storia mai raccontata dall’uomo

PedroCeleste tranne quelle intimiste

PedroCeleste:
anche quelle intimiste
i personaggi hanno sempre dei desideri e degli ostacoli con delle conseguenze

adam:
sì ma devono essere un team
se giochi a trono di spade…

PedroCeleste:
Mamet fa un ottimo esempio con il contadino che deve vendere il maiale
Mi sembra che l’unica costante qui sia il team

Matteo_Sciutteri:
Si, probabilmente togliere il team richiede più lavoro che cambiare il setting, per adattarlo.

PedroCeleste:
Però se penso al team, praticamente il 99% dei gdr è basato su un team

adam:
già. ma bitd lo fa meglio :stuck_out_tongue: se mi vieni a dire che D&D è un ottimo gioco per creare squadre…

PedroCeleste:
Ad esempio, proprio stasera continuo l’avventura che sto masterizzando che è in pieno quello di cui stiamo parlando (una banda di disperati assoldata per rapire il papa), ma lo sto facendo con Knave, che è un OSR. Probabilmente giocandolo con Blades l’esperienza potrebbe essere di gran lunga migliore. ma perché lo sarebbe? Ecco quella è la domanda, secondo me.

adam:
La risposta acida e per niente costruttiva è: Blades è un gioco coerente, funzionale, maturo, autoconsapevole. Knave (ci ho giocato a skyrim un paio di volte) per niente

PedroCeleste:
Non è tanto acida, quanto inutile :slight_smile:

adam:
Per la risposta utile dovremmo chiedere a Harper o a qualche esperto di game design suppongo :face_with_monocle:
Per la cronaca: il 99% dei giochi è D&D, o una variante di D&D, o giochi che pensano che basti cambiare dadi e nomi ma invece sono sempre D&D, oppure D&D nello spazio, D&D nel mondo moderno coi vampiri…

Insomma, se togli D&D, di giochi che non siano fondati su un team ne escono un po’ di più.

PedroCeleste:
io amo D&d come amo parecchi altri giochi, ma non stavo facendo dei confronti. mi stavo chiedendo quale fosse la specificità di Blades, al di là del genere che appare chiaro, almeno a me, non sia il fulcro della questione. cioè cos’è che rende blades più o meno funzionale a quell’esperienza di gioco. Forse dovremmo riportare la questione sul forum, che qui si sbrodola

adam:
Vai apri un topic, che Matteo_Sciutteri sono sicuro avrà un botto di analisi da condividere in un ambiente dove ha più tempo per organizzare le idee [e invece sono finito a farlo io NdR]

PedroCeleste:
poi lo faccio, la mia è proprio una curiosità vera, derivata dal fatto che sto giocando quel tipo di esperienza in una prospettiva old school (apprezzandola molto) e allo stesso tempo sono affascinato dalla possibilità di provare quello stesso genere di narrazione con Blades (che sto finendo di leggere)

adam:
mi sento di dirti che bitd non c’entra proprio nulla con l’esperienza old school eh. Cioè… E’ quasi antitetico in certi punti; tra tiri di resistenza e flashback, sono due esperienze agli antipodi

PedroCeleste:
chiaro, non parlavo di esperienze simili, ma di generi narrativi simili

adam:
non sono sicuro facciano parte dello stesso genere. Nell’OSR c’è un elemento di sopravvivenza forte, la possibilità di fallire, e nessun interesse verso la verticale del personaggio. BitD non ha niente del survival, e traumi vizi e relazioni tra personaggi sono fondamentali.

Alla fine la discussione verteva attorno al fatto che per molti si possono fare un sacco di hack di Blades, perché è una struttura narrativa molto diffusa (per me, soprattutto negli ultimi anni), o se invece sia il classico caso di “quando hai un martello tutto sembra un chiodo”.

Secondo me, BitD si presta molto bene ad essere adattato a un certo tipo di narrativa (e a un certo tipo di esperienza) che è molto comune, ma non l’unica. Ad esempio, ci giocherei i Titans della DC (almeno la serie TV), ma non il ciclo arturiano.

non sono sicuro facciano parte dello stesso genere. Nell’OSR c’è un elemento di sopravvivenza forte, la possibilità di fallire, e nessun interesse verso la verticale del personaggio. BitD non ha niente del survival, e traumi vizi e relazioni tra personaggi sono fondamentali.

Qua, per me, c’è da aprire un discorso (un nuovo topic?) sul fatto che sistemi diversi possono portare a fiction simili, ma per strade diverse. Kidnap the Archpriest (l’avventura di cui parla Pedro) sarebbe probabilmente un bel colpo per BitD e potrebbe portare a una fiction molto simile a quella di Knave, ma l’esperienza al tavolo sarà molto diversa.

2 Mi Piace

Ho spostato da #chiacchere a #fitd. Capisco sia difficile dato che il gioco è appena uscito in Italia, ma cerchiamo di portare esempi di gioco concreto, altrimenti è davvero aria fritta. Se non risultasse possibile, sposterò nuovamente in #chiacchere.

@thekernelinyellow potresti modificare il tuo post impostando il tema della discussione all’inizio? Puoi mettere la copia della conversaione in un blocco “nascondi dettagli”. Chiudo fino a quando non hai avuto il tempo di farlo.

Edit: ottimo!

È un argomento che mi sta molto a cuore, sto giocando Kidnap proprio in questi giorni e nel frattempo sto leggendo bitd e seguendo le vostre discussioni qui sul forum. Se vogliamo aprire un topic specifico, forse è meglio.

Sarebbe bello provare a giocarla come one shot :slight_smile:
Anche se in quel caso di BitD si perdono molti dei meccanismi a lungo termine, può comunque essere illuminante giocare le cose per davvero.

Per quanto riguarda la produzione di fiction, penso abbia ragione @thekernelinyellow quando dice (non in questo thread, ma è qualcosa che ripete spesso) che la fiction è un prodotto dell’esperienza di gioco, ma non è l’esperienza di gioco stessa. Puoi ottenere la stessa fiction con Sistemi completamente diversi, che ti offrono esperienze diverse, e che ti divertono in modi diversi.

Era esattamente il mio punto. Secondo me quando si confrontano scuole di design, piuttosto che giochi diversi della stessa scuola, è importante tenere conto del fatto che i cambiamenti grossi sono in termini di esperienza al tavolo, più che di fiction prodotta.

In effetti, è anche parte del mio ragionamento sull’adattabilità di BitD: sottolinea molti aspetti comuni a diversi tipi di narrativa e quindi si presta molto bene ad essere hackato.

1 Mi Piace

Mi chiedo, sulla scia dei vostri discorsi, quanto invece influisca la fiction di riferimento sull’esperienza di gioco. Ad esempio: ci sediamo al tavolo per giocare qualcosa che rientri nel genere “siamo una banda di canaglie che deve rapinare una banca”. Immediatamente nella nostra testa iniziano a lavorare tutte quelle immagini ed emozioni provate nella visione di film o serie sul tema (oltre ai libri, i fumetti, etc.). Se l’idea mi attira, questo genera immediatamente un’aspettativa: voglio assolutamente provare quello che ho provato guardando “Rapina a mano armata” (per dirne uno). A quel punto se il gioco che stiamo giocando non lavorerà in direzione delle mie aspettative qualcosa inizierà a scricchiolare e l’esperienza al tavolo potrebbe non essere delle migliori. Magari mi aspetto di passare delle ore avvolto nel fumo delle sigarette, chino sulla mappa della banca, cercando di escogitare il piano perfetto. Oppure mi aspetto di vedere i protagonisti fare errori per colpa dei loro fatal flaw e mandare all’aria tutti i piani. Oppure mi aspetto di vivere una sequenza continua e adrenalinica di flashback e flashforward.

Forse sto andando fuori tema e forse mi sbaglio, ma volevo porre l’accento sul fatto che esiste una fiction pregressa che in qualche modo influenza l’esperienza al tavolo.

Da qui due domande:

  1. Si può slegare un sistema dalla fiction di riferimento?
  2. Blades in the Dark ha una fiction di riferimento? E quale?

La risposta è, contemporaneamente, “è inevitabile” e “assolutamente no”. Alla fin fine ogni sistema si distacca su alcuni punti dalla fiction di riferimento (anche perché spesso non c’è una fiction di riferimento ma categorie o generi letterari), dall’altra, a parte un paio di eccezioni che sono più PoC che veri giochi, ogni regolamento ha una fiction di riferimento e ogni gruppo, quando si mette al tavolo e crea il sistema ha una sua fiction di riferimento. Quanto questa sia chiara a tutto il gruppo è un altro discorso (per questo, secondo me, l’Appendice N e tutte le sue successive - e meno succinte - incarnazioni sono un pezzo fondamentale per ogni gioco).

Sì, la mette nella sezione “Touchstones” del primo capitolo

When you’re pitching the game to prospective players, here are some media
touchstones you can use to relate the game to stuff with which they’re already
familiar.

TV: Peaky Blinders, by Steven Knight et al. The Wire, by David Simon et al.
Spartacus (particularly season two) by Steven S. DeKnight et al. Narcos, by Chris
Brancato, Carlo Bernard, and Doug Miro, et al.

Books: The Vlad Taltos novels (Jhereg, etc.), by Steven Brust. The stories of
Fafhrd and the Grey Mouser, by Fritz Leiber. The Lies of Locke Lamora, by
Scott Lynch. Best Served Cold, by Joe Abercrombie.

Video Games: Thief: The Dark Project and its sequels, by Looking Glass Studios.
The Dishonored series, by Arkane Studios. Bloodborne by Hidetaka Miyazaki
and From Software.

Films: Crimson Peak, by Guillermo del Toro. Gangs of New York, by Martin
Scorsese. Ronin, by John Frankenheimer. Heat and Thief, by Michael Mann.

Theme song
“Furnace Room Lullaby” by Neko Case.

Come vedi sono diversi e non del tutto concordi tra loro (non ho letto/giocato/visto tutto, ma tra “The Lies of Locke Lamora” e “Gangs of New York”, per citarne due, passa un abisso - se ti aspetti uno dei due e ottieni l’altro, rimarrai comunque deluso).

1 Mi Piace

La figata di un sistema come quello di Blades ha strumenti e meccaniche per “riprodurre” tutte le fiction di riferimento.
Una delle cose che il regolamento incoraggia a fare è decidere il “taglio” che avrà la campagna - e quindi a stabilire in quale di quelle fiction (o simili) ricadrà l’esperienza di gioco; in modo, appunto, da evitare delusioni o essere frustrati perché le proprie aspettative non sono corrisposte.

Comunque, leggendo quel paragrafo mi sono stupito per il fatto che non abbia citato Ocean’s Eleven (e sequel) visto che l’idea dei flashback è presa di sana pianta da quei film.

Io vorrei giocarlo per capirlo veramente. In linea teorica non riesco a comprendere a fondo quanto sia in grado di restituirmi una certa esperienza. Se qualcuno organizza una partita vi prego di tenermi in considerazione.

1 Mi Piace

Il setting è praticamente una fusione tra Dishonored (con tanto di muri fulminanti e sangue di leviatano olio di balena) e Thief (sempre stealth, sempre steampunk, con la città perennemente nel buio).

Le gang sono quelle di Gangs of New York e Peaky Blinders.

L’esperienza di gioco è, per quanto mi riguarda, molto simile a Ocean’s Eleven (con le premesse di cui sopra). Personaggi scalcinatissimi, ma supercompetenti, che compiono colpi improbabili, in cui il piano folle e geniale viene spiegato mentre viene eseguito (in BitD, tramite flashback).


Non ho letto Kidnap the Archpriest e ho giocato solo 3 sessioni a Blades quindi non posso commentare a fondo, riporto giusto la mia esperienza tutt’ora per sommi capi. Blades mi sta dando una bellissima esperienza di gioco; finalmente riusciamo a fare i ladri esattamente come piace a noi. Come gruppo abbiamo un debole per tutte le gang barcollanti di filibustieri che, in fondo, hanno un cuore d’oro (ma molto, moltissimo in fondo). Blades sicuramente permette di giocare personaggi molto più serissimi, e spazia dalle gang di strada agli intrecci politici ai misteri occulti. Di sicuro la meccanica del non pianificare il colpo si sposa perfettamente con il nostro approccio. In altre parole, riferendomi al commento di Pedro su quanto sia stato laborioso gestire l’Archpriest; se noi (come persone) fossimo stati in grado di pianificare colpi perfetti e di fare micromanagment di intere fazioni, probabilmente saremmo dei ricchissimi criminali. Però io gioco con un maestro delle elementari e un’impiegata al caf. Ci serve proprio un sistema che ci permetta di incanalare i nostri vezzi e le nostre velleità creative, permettendo ai personaggi (cattivi inclusi) di risultare intelligenti e competenti come noi non saremmo mai, e al mondo intorno di risultare vivo e attivo.

Per tornare in topic…

Non vedo come parlare di D&D possa… In qualche modo essere utile. Cioè, lo sappiamo che D&D non fornisce alcuno strumento a chi sta al tavolo per far emergere un qualsivoglia tipo di storia. Tutto quello che fai di bello con D&D, è perché sei bravissimo nel creare quelle cose belle di tuo, e nel destreggiarti tra le regole per portarlo in essere; mica perché il gioco ti ha aiutato a farlo. Quindi in sostanza voglio dire: come sempre, con D&D (o con qualsiasi gioco) puoi, se proprio davvero lo vuoi, tirare fuori una determinata fiction. Puoi farci un’associazione di criminali che estende il proprio potere sulla città con colpi stravaganti ma perfetti. Puoi farci adolescenti che combattono contro la mostruosità dentro di loro. Puoi giocare in un mondo fantasy violento e spietato per scoprire cosa sono disposti a rischiare i protagonisti per ciò in cui credono. Devi essere bravo, rischi di mandare tutto all’aria, e comunque faticherai un botto. Però insomma, ci sono Blades in the Dark, Monsterhearts e Burning Wheel che sono fatti apposta e che ti servono tutto su un piatto d’argento…

Poi se stiamo parlando strettamente di OSR… Non vedo molto cosa c’entri con Blades. Cioè, se vuoi giocare a Blades con un OSR, vale il discorso soprastante. O quantomeno, mi sono perso i punti di contatto tra la fiction di riferimento dell’OSR e la fiction di riferimento di Blades (al massimo, cose tipo Fafhrd & The Gray Mouser, che adoro follemente, e che ha elementi ripresi da Blades, ma che ovviamente manca di tante cose).

Per quanto riguarda l’adattabilità di BitD, io ribadisco: si rifà a dei tropi estremamente popolari, comuni, fichissimi, e ottimi per un’esperienza tipica di gioco di ruolo al tavolo, quindi già la premessa è che il gioco in sé si insinui davvero ovunque; il clue del gioco, i colpi, contengono regole estremamente generiche. Tutta la meccanica del tiro d’azione è praticamente una meccanica generica; il gioco non ti dice che “i fucili fulminotecnici fanno X danni” o che “i capitani delle giubbe blu sono maestri nel bullizzare”, ti dice di volta in volta come aggiudicare posizione, efficacia, e conseguenze, in maniera del tutto agnostica; lo stesso gli orologi, stress e trauma, ecc. Ma tutto ciò non penso che sia incidentale, credo che l’autore sia perfettamente consapevole di aver creato uno dei giochi più adattabili della storia.

Le meccaniche del downtime sono quelle da cui emerge poi davvero il setting, ma anche lì puoi trovare corrispettivi in tante altre situazioni molto facilmente nella maggior parte dei casi.

E’ ovvio poi che ci sono tantissime cose che non possono essere giocate a Blades, e tanti giochi la cui esperienza di gioco non può essere rievocata con Blades. In primis tanti PbtA: Mostro della Settimana e Cuori di Mostro hanno fiction di riferimento che ad adattarli a Blades mi sembrerebbe una forzatura.

4 Mi Piace

Il mostro della settimana in realtà a me sembra perfetto.
Buffy -> Blades.

Non voglio giocare a Blades con un Osr (non ho idea di come si possa fare una cosa del genere). Quello che dico è che Kidnap the Archpriest è un modulo Osr che potrebbe essere tranquillamente un colpo di Blades. Quindi mi incuriosisce confrontare il tipo di esperienza al tavolo (ma prima o poi apro un topic specifico). Poi i giochi Osr non hanno una fiction di riferimento specifica: Mothership è un bellissimo regolamento Osr chiaramente ispirato ad Alien e derivati. Per dirne uno.

Allora sono io che sicuramente non ho ben chiaro cosa voglia dire Old School Renessaince!

Non lo conosco come ho già detto; premettendo che i colpi di Blades sono appunto la cosa più agnostica, sia dentro Blades stesso (puoi sequestrare il Decano della Chiesa dell’Estasi, rapinare una banca, estorcere il pizzo alle gang, effettuare un viaggio trascendentale all’interno dei sogni di un dio morto per recuperare il ricordo di cosa significa amare, ecc.) sia a livello di adattabilità in altri setting e con premesse leggermente diverse… Cosa rende questo modulo così calzante con Blades secondo te?

Se ne era parlato in questo argomento, e @thekernelinyellow aveva fatto un ottimo intervento a riguardo.

2 Mi Piace

Io aggiungo anche i piani a sorpresa che si dipanano all’ultimo, tipici di Mission Impossible, o perfino del vecchio A-Team anni 80 :slightly_smiling_face:
O anche i film lowlife di Guy Ritchie.

Più recenti di Ocean 11 (ma più vecchi di Blades), la serie TV di Leverage, perfetta fiction di riferimento per Blades, e il GdR omonimo, che faceva un ottimo lavoro nel simulare quel genere di artisti della truffa super specializzati, incluse le regole per i flashback, indispensabili.
Non so se, prima di lui, altri GdR abbiano pestato così pesante sul genere Capers / Con, e con regole che spingano in quella direzione, ma sicuramente un applauso a Cam Banks va fatto.

2 Mi Piace

Ci ho pensato, e una cosa che è molto ben incastrata in Blades e difficile secondo me da modificare, è che i protagonisti sono tutti molto competenti in generale. Hanno tutti le stesse abilità, e sanno usarle. Nel momento in cui crei una premessa del tipo “i personaggi sono cacciatori di mostri”, la linea di base sarebbe che ci si aspetti che tutti i personaggi sappiano fare le cose tipiche dei cacciatori di mostri, chi più chi meno.

Mentre Buffy (che tende al super-eroico) parte dalla premessa che ci sia uno sbilanciamento di potere non indifferente all’interno della Scooby Gang. Si parte con Buffy che è stracazzuta, Willow che ha la sua area di competenza specifica, e Xander che è una pippa al sugo. Anche quando la Gang si allarga, c’è sempre uno sbilanciamento significativo. Willow diventa onnipotente. Xander impara un minimo cavarsela, ma arriva Cordelia che è più d’ostacolo che d’aiuto. Un Blades potrebbe funzionare molto meglio facendo Supernatural o Men in Black sotto questo punto di vista.

Lo sbilanciamento in MotW è reso molto bene (come in tanti altri PbtA; penso sia una continuazione del discorso in cui nei libretti di AW il potere che hanno si trova su uno spettro tra potere in fiction e potere meccanico. Vedi per esempio gunlugger e hardholder. O guerriero e paladino in DW). Insomma, Chosen e Spooky sono bestie di satana, il Mundane ed il Flake hanno un’importanza diversa ma di certo non ci si aspetta sappiano davvero prendere a mazzate i mostri.

Se hai per caso visto Trollhunters su Netflix di G. Del Toro (stupendo!) la cosa è ancora più estrema, e probabilmente più evidente per spiegare ciò che intendo.

Band of Blades ha introdotto lo sbilanciamento in maniera ottima, secondo me, con il libretto del Rookie.
Che ha le sue abilità specifiche come tutti, ma tendenzialmente è una pippa :smiley:
Cioè, è chiaro che ti serve del lavoro sui libretti - ma quello lo davo per scontato nell’argomento “hack”; però li puoi fare sbilanciati anche in un FitD secondo me (e BoB ne è un esempio).

Di Buffy esiste un gdr meravigliosamente anni '90, basato su quel carrozzone di WitchCraft che gioca molto sullo sbilanciamento. Ci avevo giocato 3/4 anni fa e mi ci ero pure divertito un sacco (nella sua carrozzonaggine), ma non ricordo granché delle regole, quindi per fare un actual play dovrei rileggermi il manuale.

La cosa che ricordo essere interessante era come gestiva lo sbilanciamento in fiction: la Slayer era chiaramente più forte (mi pare che prendesse più “punti esperienza” in fase di creazione) ma aveva pochissimi “punti fortuna”, che venivano usati per uscire dalle situazioni disperate o addirittura per scampare alla morte (adesso non ricordo la meccanica, ma spendendone abbastanza quando moriva il tuo personaggio potevi introdurre il colpo di scena una o due sessioni/puntate dopo e farlo tornare descrivendo fuori scena come in realtà era sopravvissuto), mentre per i comprimari era il contrario.

1 Mi Piace