[Sukeban] Primi amori scolastici e solenni mazzate

INTRODUZIONE A SUKEBAN

Sukeban è un gioco di ruolo ispirato fortemente ai manga di genere combattimento legati all’ambito scolastico, in cui spesso i legami emotivi e il duro allenamento contano quanto la migliore arma. Nasce come gioco veloce da preparare e molto “giocattoloso”. L’idea è che ci si possa trovare e in breve tempo iniziare a giocare.

Genere e sessualita: Il regolamento è scritto con una predominanza verso il genere femminile nello scritto, nell’italiano il generico è maschile e si è voluto invertire la regola nel regolamento, visto che nel concept di base le protagoniste sono femminili.

Nonostante si sia scelto di scrivere il regolamento usando primariamente il femminile, non c’è motivo per limitare i personaggi come genere e sesso, anche quando viene fatto riferimento a genere/sesso in alcune capacità (ad esempio il segreto “odio i maschi”), questo si attiverà in base alla visione del mondo dell’utilizzatore. Ad esempio se una ragazza è travestita da maschio e chi possiede il segreto la identifica come tale, potrà attivarlo su di lei.

Questo gioco vuole essere molto leggero

Il Sensei viene descritto col plurare majestatis, perché andrà a interpretare numerosi PG.

FLAVOUR: IL PROFUMO DELLA STORIA

L’ambientazione del gioco SUKEBAN è un fittizzio manga shonen scolastico ambientato in un periodo tra la fine degli anni 70 e l’inizio degli anni 90 con protagoniste delle combattive studentesse che si danno simboli e ritualità tutte loro, trovando riscatto e autoesaltazione nel conflitto tra se stesse e verso il mondo. L’ambientazione di base non prevede magia o tecnologie particolari. Ma le nostre protagoniste potrebbero incappare in cose strane durante le loro avventure.

Le nostre protagoniste sono comunque studentesse in uno stato di diritto, e sebbene gli adulti tenderanno a ignorare i litigi se possibile, morti o pestaggi troppo violenti potrebbero portare all’interessamento della polizia.

Questa ambientazione è una pelle che può agevolmente essere adattata ad altre situazioni, se volete portare la serie nel contemporaneo, magari nel quartiere di Akibara a Tokio, basta aggiungere internet, i telefonini e vari folli locali e vestiari peculiari che si possino trovare nel più folle quartiere di Tokio.

Allo stesso modo, potete benissimo usare protagonisti maschi (La serie “Due come noi”, con protagonisti due teppisti maschi è tra le ispirazioni).

Potete anche pensare ad ambientazioni più colorite, ad esempio spostando l’ambientazione nel periodo Sengoku o in piena restaurazione, sostituendo alla “scuola” altri contesti sociali.

L’importante è mantenere un contesto sociale e un contesto di combattimento che si possano influenzare reciprocamente.

INIZIARE A GIOCARE

Cosa vi serve per giocare:

-Carte da gioco francesi: Un mazzo da scala quaranta, meglio se uno per giocatore e uno per il master. E’ accettabile mescolare 2 mazzi e usarli in comune se non ne avete abbastanza.

-Schede dei personaggi da compilare

-Una matita e una gomma.

-Alcuni segnalini: potete stampare i segnalini del gioco, oppure usarne di colorati o usare dei pezzetti di carta su cui scrivere i vari effetti.

-Carta bianca, fa sempre comodo.

  • Alcune persone che vogliono giocare, voi. Uno sarà il Sensei, colui che dovrà

Iniziare a giocare: Discutete assieme del tipo di avventura che andrete a giocare, il Sensei (o Master) spiegherà se ha idee o caratteristiche che desidera per la storia iniziale.

Un ottimo modo per iniziare in media res è far raccontare a ogni giocatrice una scena iniziale, qualcosa di concitato e stressante ed energico da cui partire.

LE PROTAGONISTE GIOCANTI

Le protagoniste del gioco sanno tutte combattere, ci sarà la sottile artista marziale o quella che va avanti a trucchetti e scorrettezze e sono alla pari in un contesto ideale.

Sanno sempre fare anche altro e facilmente impareranno cose nuove, dopotutto sono adolescenti, in piena età dell’apprendimento, quindi oggi magari impareranno a cucinare e domani l’arte della forgiatura.

COME GIOCARE

Il gioco si divide in due tempi, narrazione e combattimento . Durente entrambi i tempi le protagoniste hanno una mano di carte da scala 40 da utilizzare per attivare le proprie capacità.

Durante la narrazione si usa la " mano relax ". La narrazione e il momento in cui si interagisce con le persone, si racconta come vive il personaggio e si spendono le azioni tempo.

Le carte della " Mano relax " vengono spese per compiere le azioni tempo o per vedere quanto un’azione compiuta da un personaggio andrà bene, compiendo un test azione

E questa breve presentazione è sul gioco che sto scrivendo, potete scaricarlo qui https://www.facebook.com/groups/326087565434637 (perdonate, ma per ora non lo posso mettere in chiaro).

Cerco commenti e playtester ^^

3 Mi Piace

Humpf, su su, almeno un reply, una domanda! Voglio diventare un contributore attivo!

Non ho facebook quindi non posso aiutarti…

Ciao :slight_smile:
PS: so che è un messaggio inutile, ma magari trovi un modo di pubblicarlo in chiaro :slight_smile:

Sì, devo ammettere che anche per me il dover accedere a un gruppo privato di Facebook per darti feedback è un problema.

Se non puoi metterlo in chiaro, perché discuterne in chiaro? Cercare di reindirizzarci sul tuo gruppo di facebook non mi pare molto orientato ad avere una buona discussione qui.

2 Mi Piace

Posso mandarvelo via mail ^^

Scusate, l’ho dato per scontato, è solo per sapere a chi l’ho mandato e a che versione fa riferimento!

Non avevo connesso che potesse essere una richiesta scomoda/maleducata (in effetti mandare dal forum a FB non è il massimo).

2 Mi Piace